IPAP-Pacifica-support-cutL’Istituto di Psicologia Analitica e Psicodramma e l’Azienda Sanitaria Locale TO4 di Ciriè, Chivasso e Ivrea cooperano ai fini di un Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie, nell’obiettivo di offrire all’utenza del territorio canavesano un servizio psicologico specializzato in Cure Primarie, attraverso la professionalità dei propri Psicologi Specializzandi in Psicoterapia e Psicoterapeuti neo-specializzati. I due enti, a tal fine convenzionati tra loro (Deliberazione del Direttore Generale N. 561 del 9 maggio 2018), hanno affidato la gestione e il coordinamento del progetto del Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie alla S.S. di Psicologia della Salute degli Adulti dell’ASL TO4 (Dott.ssa Silvana Faccio) e alla Scuola di Specializzazione in Psicoterapia dell’IPAP (Dott. Riccardo Bernardini).

Il progetto del Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie IPAP / ASL TO4 nasce dalla necessità di introdurre nella realtà territoriale piemontese di competenza della ASL TO4 un servizio psicologico specializzato in Cure Primarie, che sia facilmente accessibile all’utenza del territorio, tentando così di soddisfare un bisogno sanitario e sociale che ad oggi non trova adeguata risposta. L’istituzione del Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie deriva dall’esigenza di fronteggiare il significativo aumento nella popolazione di disagio psicologico e disturbi mentali minori (disturbi d’ansia, disturbi somatoformi, disturbi depressivi…), che sono causa di sofferenza individuale, difficoltà relazionali, compromissione delle capacità lavorative e ingenti costi sanitari e sociali. Il Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie intende inoltre creare una sensibilità diffusa rispetto all’importanza del prendersi cura della propria salute mentale, oltre che di quella fisica: vissuta come elemento negativo della propria esistenza, alla sofferenza psicologica vengono infatti spesso associati termini come fragilità, debolezza, dipendenza, in particolar modo nell’età adulta. Il Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie intende trattare questi disturbi psichici a livello di cure primarie, offrendo all’utenza del territorio, in coordinamento con la rete territoriale dei Medici di Medicina Generale (MMG), la professionalità di Psicologi Specializzandi in Psicoterapia e Psicoterapeuti neo-specializzati, in modalità di accesso agevolato e in un’ottica di sostegno alle categorie deboli.

Le Cure Psicologiche Primarie (Primary Mental Health Care, PMHC)

La Conferenza Internazionale sull’Assistenza Sanitaria Primaria dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha espresso la necessità di un’azione urgente dei governi, della comunità internazionale e di tutti coloro che lavorano per la salute e lo sviluppo per proteggere e promuovere la salute di ogni uomo. Ha quindi ribadito che la salute, stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplicemente assenza di malattia o infermità, è un diritto umano fondamentale e ha riaffermato che il raggiungimento del maggior livello di salute possibile è un risultato sociale estremamente importante in tutto il mondo, la cui realizzazione richiede il contributo di molti altri settori economici e sociali, in aggiunta a quello sanitario (World Health Organization, “Declaration of Alma-Ata”, 1978, Art. I). È stato inoltre sottolineato che le persone hanno il diritto e il dovere di partecipare individualmente e collettivamente alla progettazione e alla realizzazione dell’assistenza sanitaria di cui hanno bisogno (Art. IV).

Sempre secondo l’OMS, “l’Assistenza Sanitaria Primaria (Primary Health Care) è quell’assistenza sanitaria essenziale, fondata su metodi pratici e tecnologie scientificamente validi e socialmente accettabili, resi universalmente accessibili agli individui e alle famiglie nella collettività, attraverso la loro piena partecipazione e a un costo che la comunità e il Paese possono sostenere in ogni stadio del proprio sviluppo in uno spirito di autonomia e di autodeterminazione. L’Assistenza Sanitaria Primaria è una parte integrante sia del Sistema Sanitario Nazionale, del quale rappresenta la funzione centrale e il focus principale, sia dello sviluppo sociale ed economico globale della comunità. È il primo livello attraverso il quale gli individui, la famiglia e la comunità entrano in contatto con il Sistema Sanitario Nazionale, portando l’assistenza sanitaria il più vicino possibile ai luoghi di vita e di lavoro, e costituisce il primo elemento di un processo continuo di assistenza sanitaria” (Art. VI).

Come riportato dal Ministero della Salute, “le Cure Primarie rappresentano, dunque, una vera e propria area-sistema dotata di caratteristiche peculiari e profondamente diverse da quelle, altrettanto tipiche, dell’assistenza ospedaliera. Per le Cure Primarie a prevalere è il cosiddetto paradigma ‘dell’iniziativa’ con il quale si intende un pattern assistenziale orientato alla ‘promozione attiva’ della salute e al rafforzamento delle risorse personali (auto-cura e family learning) e sociali (reti di prossimità e capitale sociale) a disposizione dell’individuo, specie se affetto da malattie croniche o disabilità. Per l’assistenza ospedaliera è invece prevalente il paradigma ‘dell’attesa’ con il quale si evidenzia un pattern assistenziale ad elevata standardizzazione ed intensività tecnico-assistenziale che si attiva e si mobilita in presenza di un evento ‘nuovo’ e con caratteristiche prevalentemente di acuzie, di urgenza od emergenza. Due paradigmi assistenziali che identificano bisogni e fasi diverse ma che in ogni caso, per essere entrambi centrati sulla persona e riuscire a garantire presa in carico e continuità nelle cure, devono necessariamente integrarsi tra loro in una unica rete assistenziale. Elementi fondamentali dell’area delle cure primarie sono dunque l’estensività ed equità nell’assistenza e nell’accesso alle cure, la prossimità delle cure ai luoghi di vita dei cittadini, l’integrazione tra attività sanitaria e sociale, la valorizzazione del capitale umano e sociale a disposizione dell’individuo e la partecipazione della comunità locale e dei cittadini alla programmazione dei servizi e alla valutazione delle attività e dei risultati di salute” (Ministero della Salute, “Il sistema delle cure primarie”, 2007).

Le Cure Psicologiche Primarie (Primary Mental Health Care, PMHC) un concetto relativamente recente nell’ambito sanitario, sono state a loro volta così definite dall’OMS:

  • interventi di primo livello, erogati come una parte integrante dell’assistenza sanitaria generale;
  • assistenza sanitaria mentale, erogata da professionisti di cure primarie, i quali sono formati, competenti e supportati nel fornire servizi di cura psicologica.

Le Cure Psicologiche Primarie si caratterizzano come sistema di cure centrato sui bisogni di salute della popolazione. Il sistema è decentralizzato e focalizzato sul territorio, richiede la partecipazione attiva di famiglie, gruppi, comunità e si fonda sul lavoro di squadra, che coinvolge diverse figure di professionisti uniti in équipe. Si prefigge di stimolare il benessere e la salute attraverso il coinvolgimento attivo e diretto delle persone e dei pazienti nel proprio percorso di cura, fornendo loro supporto ma anche responsabilizzazione, delegando potere e promuovendo empowerment e auto-efficacia.

La Psicologia delle Cure Primarie (Primary Care Psychology, PCP / PCPsy)

La metodologia della Psicologia delle Cure Primarie (Primary Care Psychology, PCP o PCPsy) si fonda sull’offerta di interventi terapeutici evidence-based, multiprofessionali, integrati e collaborativi, che consentano di affrontare in modo appropriato e tempestivo le patologie al loro esordio, di migliorare l’aderenza alla terapia dei pazienti affetti da patologie croniche, di incrementare il benessere individuale e di diminuire l’utilizzo improprio e i costi del Sistema Sanitario. La strategia di intervento è il Mental Health Stepped Care Model ovvero un intervento sul disagio psicologico attuato al momento giusto e con modalità adeguate (non prima o con maggiore intensità di quanto richiesto) né in ritardo o con minore intensità di quanto necessario.

stepped_careTab. 1. Il modello della Mental Health Stepped Care

Rilevanza sociale

La presenza di psicopatologie minori (disturbi d’ansia, disturbi somatoformi, disturbi depressivi…) è stata segnalata come causa di importanti disabilità dal punto di vista occupazionale, sociale e delle attività quotidiane. Ricerche nazionali e internazionali hanno evidenziato i costi, diretti e indiretti, che le psicopatologie minori hanno per la collettività. L’impatto dei disturbi psichici sul carico assistenziale, sul consumo di prestazioni sanitarie e sul consumo di prestazioni mediche specialistiche è stato messo in luce a più riprese. Tali costi significativi e in continua crescita hanno determinato che il precoce riconoscimento e il trattamento psicologico appropriato di tali disturbi siano diventati obiettivi prioritari di numerosi Sistemi Sanitari. La gestione e il trattamento di disturbi psichici nell’ambito delle Cure Primarie, in particolare, è stato riconosciuto dall’OMS come fondamentale, offrendo al più ampio numero di persone la possibilità di un accesso più semplice e rapido ai servizi. Questo non solo consente di offrire cure migliori, ma anche di ridurre anche gli sprechi (dal punto di vista sanitario, organizzativo ed economico) derivati da indagini cliniche non necessarie o non pertinenti e da trattamenti sanitari non specifici. L’utilità di interventi psicologici ispirati al modello delle Cure Primarie, non limitata alla sola remissione della patologia, è stata ampiamente dimostrata. Le linee di indirizzo regionali e il Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2011-2015 hanno infatti sottolineato la necessità di sviluppare e implementare unità complesse di Cure Primarie che garantiscano l’assistenza sanitaria di base, la riduzione degli accessi impropri al pronto soccorso e ai servizi specialistici, la realizzazione della continuità assistenziale territoriale, assicurando cure efficaci, adeguate e di qualità, particolarmente nella cronicità e nel post-acuzie.

Studi scientifici nazionali e internazionali hanno documentato l’efficacia della Psicologia delle Cure Primarie, riscontrando come il precoce riconoscimento e trattamento dei disturbi psichici minori porti a numerosi vantaggi, tra i quali:

  • un contenimento del disagio psicologico nella popolazione e un conseguente miglioramento del benessere bio-psico-sociale;
  • un decremento del consumo di farmaci e psicofarmaci;
  • una diminuzione degli accessi impropri ai servizi medici e di visite specialistiche e/o approfondimenti diagnostici;
  • un calo dell’assenteismo sul posto di lavoro e un più rapido ritorno a un’attività lavorativa produttiva;
  • in generale, una significativa riduzione dei costi sanitari e sociali nel breve, medio e lungo termine, al punto che il risparmio complessivo si rivela superiore al costo dell’intervento stesso; sostenere il lavoro psicologico nelle cure primarie simili costituisce pertanto un investimento utile alla comunità e alla società nel suo complesso.

Obiettivi specifici

Il Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie IPAP / ASL TO4 si prefigge pertanto di:

  • mantenere un focus sulla prevenzione e sulla identificazione precoce del disagio psicologico, in un’ottica di psicologia della salute orientata sia all’individuo sia alla comunità;
  • garantire benessere psicologico di qualità nel contesto della medicina di base, sul territorio, vicino alla realtà di vita dei pazienti, alle loro famiglie e alle loro comunità;
  • fornire un primo livello di cure psicologiche di alta qualità, accessibile, efficace e integrato con gli altri servizi sanitari;
  • facilitare l’accesso alle cure e alle terapie psicologiche per pazienti con psicopatologie minori, per prendere in carico anche quegli utenti che risulterebbero altrimenti esclusi da percorso terapeutico specialistico o per i quali quest’ultimo non risulterebbe appropriato;
  • erogare un intervento clinico appropriato al tipo di patologia riportata, rispettando le caratteristiche di personalità del paziente e operando all’interno di una visione olistica della salute – fisica, psicologica, sociale e spirituale;
  • incrementare l’efficacia delle cure psicologiche e ottimizzare gli esiti terapeutici, programmando il percorso clinico più adeguato e personalizzato;
  • valutare i risultati clinici e gli outcome (risultati e outcome a breve e lungo termine con l’utilizzo di scale sintomatologiche e core outcome measure, follow-up e ricadute) e gli indicatori di costo-efficacia dell’intervento psicologico nelle Cure Primarie (diminuzione della prescrizione di visite specialistiche e/o approfondimenti diagnostici, diminuzione degli accessi impropri al Pronto Soccorso e diminuzione nei consumi di farmaci);
  • creare un contesto di comunicazione, relazione e collaborazione positiva ed efficace tra i diversi professionisti impegnati nella cura.

In una prospettiva di sviluppo territoriale, il Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie IPAP / ASL TO4 si propone inoltre di creare un legame virtuoso tra:

  • il Polo Formativo Universitario “Officina H Olivetti”, presso cui hanno sede sia il Centro Studi Formazione Ricerca Documentazione dell’ASL TO4 sia l’IPAP, Scuola di Specializzazione in Psicoterapia e Scuola di Formazione Permanente;
  • le competenze professionali presenti nel territorio, favorendo al contempo sbocchi professionali per i giovani specializzandi e l’impiego di competenze specialistiche per il benessere della comunità;
  • la domanda di assistenza delle comunità, sensibilizzando l’utenza alla dimensione del benessere psicologico.

Destinatari

Gli interventi psicologici nelle Cure Primarie si caratterizzano come Attività Specialistica all’interno di un Servizio Territoriale, che richiede competenze specifiche per peculiari bisogni di salute mentale. Di cruciale importanza risulta pertanto la definizione dei criteri di appropriatezza dell’invio, volti a delimitare l’ambito di intervento psicologico nelle Cure Primarie, che si deve caratterizzare come intervento di Primo Livello o “di base”, prevalentemente con finalità psico-educazionali, di counselling e/o psicoterapeutiche di tipo breve, utilizzando approcci metodologici flessibili ed integrati, che permettano di attuare in tempi contenuti percorsi terapeutici individualizzati e “su misura” per i bisogni specifici del paziente e della sua famiglia. La tipologia di problematiche psichiche trattabili nell’ambito delle Cure Primarie sono raggruppabili in due macrocategorie, cui corrispondono differenti tipologie di interventi psicologici:

A) problematiche psicologiche di tipo clinico, lievi o moderate, diagnosticabili secondo i criteri dell’ICD-10 e del DSM-IV:

  • F32.0 Episodio depressivo;
  • F40 Sindromi fobiche;
  • F41.0 Sindrome da attacchi di panico;
  • F41.1 Disturbo d’ansia generalizzato;
  • F43.2 Sindrome da disadattamento
  • F45 Disturbo somatico senza spiegazione organica (sindrome somatoforme);

B) problematiche psicologiche legate allo stile di vita o a difficoltà di adattamento:

  • Z60.0 Problematiche di adattamento alle transizioni del ciclo di vita;
  • Z63.3 Presenza a casa di un familiare bisognoso di cura;
  • Z63.4 Scomparsa o morte di un membro della famiglia.

Destinatari del Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie IPAP / ASL TO4 sono, quindi, soggetti di età superiore a 24 anni (l’ASL TO4 prevede già un Servizio di Psicologia per i giovani adulti, dai 18 ai 24 anni) che presentano le problematiche psicologiche di tipo clinico lievi o moderate sopra elencate, diagnosticabili secondo i criteri dell’ICD-10 e del DSM-IV. Le patologie prese in carico dal Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie, nello specifico, sono primariamente quelle indicate nel punto A), dal momento che l’ASL TO4 prevede già servizi specifici per le problematiche di cui al punto B): “Problematiche di adattamento alle transizioni del ciclo di vita” (Consultorio familiare), “Presenza a casa di un familiare bisognoso di cura” (Ambulatorio sulle patologie organiche a Elevato Carico Emozionale – ECE) e “Scomparsa o morte di un membro della famiglia” (Oncologia, Ambulatorio lutto). Le modalità di accoglienza/triage psicologico seguono i criteri evidenziati nelle linee guida regionali per le problematiche psicologiche e interventi nelle Cure Primarie, in termini di appropriatezza o di in appropriatezza dell’invio allo Psicologo di Cure Primarie.

Una considerazione a parte merita l’utenza dei caregivers. Secondo l’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, infatti, sulla base dei dati stimati dall’ISTAT i caregiver familiari sarebbero più di 9 milioni; inoltre, per il 90% si tratterebbe di donne. I caregiver includono parenti, conviventi, persone amiche che, in maniera volontaria e non remunerata, si trovano a occuparsi dei problemi sociali e sanitari delle persone in condizioni di non autosufficienza. Si è calcolato che il numero complessivo di ore di assistenza prestato dai caregiver sia di 20 milioni di ore al giorno, corrispondenti a oltre 7 miliardi di ore di assistenza all’anno. Questi dati, che sottolineano la valenza sociale ed economica di tale figura, vengono confermati da un recente studio dell’Unione Europea, che ha evidenziato come circa l’80% delle cure in tutti i Paesi UE siano fornite da coniugi, parenti e amici, e che il valore economico della loro attività rappresenti tra il 50% e il 90% del costo complessivo dei servizi di assistenza formale a lungo termine. I caregiver risultano pertanto determinanti per la tenuta del welfare e per il contenimento dei costi dell’assistenza sanitaria complessiva. Spesso si diventa caregiver per caso, necessità, “designazione” familiare oppure perché volontariamente si assume l’impegno di assistere il parente, trovandosi così a dover provvedere sia a bisogni primari e pratici (alimentazione, igiene personale, ecc.) sia alla cura della persona di carattere sanitario-assistenziale, talora senza avere una informazione esauriente sulle problematiche di cui soffre la persona assistita, sulle cure necessarie, sui criteri di accesso alle prestazioni sociali e sanitarie. Il caregiver è inoltre costretto a mediare tra i propri bisogni, quelli della persona che ha in cura e quelli del mondo del lavoro. Il rischio concreto a cui il caregiver va incontro è, infatti, di mettere in secondo piano le proprie esigenze, con ricadute importanti sul proprio equilibrio psicofisico e molteplici ripercussioni: dalla rinuncia alla carriera alla riduzione del tempo libero, dalle ricadute economiche per i costi legati all’assistenza ai “contraccolpi” psicologici, al deperimento della salute stessa di chi assiste. Nel panorama sociale attuale non sono molti gli interventi che si facciano carico di questi bisogni complessi del caregiver e che lo supportino sui vari piani – pratico, tecnico, emotivo, psicologico – in cui coinvolto nel processo assistenziale (Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, “La presa in cura dei Caregiver”). Affiancando le attività assistenziali erogate dall’Ambulatorio sulle patologie organiche a Elevato Carico Emozionale (ECE) dell’ASL TO4, il Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie include quindi, tra le proprie finalità, quella offrire una attività di sostegno psicologico ai caregiver familiari.

Organizzazione

Il Centro Clinico-psicologico di Cure Primarie ha un Coordinamento condiviso dal Responsabile della S.S. di Psicologia della Salute degli Adulti per l’ASL TO4 e dal Presidente del Consiglio Direttivo della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia dell’IPAP. La responsabilità clinica del lavoro psicologico-psicoterapeutico, svolto dagli Specializzandi in psicoterapia, è delegata all’IPAP, che, in accordo con il Responsabile della S.S. di Psicologia della Salute degli Adulti dell’ASL TO4, nomina un Responsabile clinico del Centro.

Sede

Il Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie IPAP / ASL TO4 ha sede presso i locali della S.S. di Psicologia della Salute degli Adulti dell’ASL TO4 di Ivrea (Poliambulatorio “Comunità”, Via Natalia Ginzburg, 7, 10015 Ivrea).

IPAP-Poliambulatorio-Comunità-ASL-TO4-Ivrea-cut

Operatori

Gli operatori del Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie IPAP / ASL TO4 sono:

  • Psicologi specializzandi in Psicoterapia presso la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia dell’IPAP;
  • Psicologi Psicoterapeuti neo-specializzati in Psicoterapia presso l’IPAP;
  • Psicologi Psicoterapeuti neo-specializzati in Psicoterapia proposti dalla S.S. di Psicologia della Salute degli Adulti dell’ASL TO4.

Accesso

L’utente può accedere al Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie IPAP / ASL TO4 in modo diretto, prendendo contatto telefonicamente con la S.S. di Psicologia della Salute degli Adulti, oppure su invio di altri Servizi Sanitari territoriali, quali i Medici di Medicina Generale (MMG), i Centri di Salute Mentale (CSM), i Consultori familiari, le Strutture di Psicologia Ospedaliera, la S.S. di Psicologia della Salute degli Adulti.

Estensione territoriale

Nella sua fase di avvio (settembre 2018-settembre 2019), le attività del Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie IPAP / ASL TO4 saranno indirizzate primariamente al Distretto Sanitario N. 5 (Ivrea) e al Distretto Sanitario N. 6 di pertinenza dell’ASL TO4, comprendenti i seguenti Comuni:

Distretto Sanitario N. 5 (Ivrea): Albiano, Alice Superiore, Andrate, Azeglio, Banchette, Barone, Bollengo, Borgofranco d’Ivrea, Borgomasino, Brosso, Burolo, Caluso, Candia, Caravino, Carema, Cascinette, Chiaverano, Colleretto Giacosa, Cossano, Cuceglio, Fiorano, Issiglio, Ivrea, Lessolo, Loranzè, Lugnacco, Maglione, Mazzè, Mercenasco, Meugliano, Montalenghe, Montalto Dora, Nomaglio, Orio, Palazzo, Parella, Pavone, Pecco, Perosa, Piverone, Quagliuzzo, Quassolo, Quincinetto, Romano, Rueglio, Salerano, Samone, San Giorgio, San Giusto, San Martino, Scarmagno, Settimo Rottaro, Settimo Vittone, Strambinello, Strambino, Tavagnasco, Trausella, Traversella, Vestignè, Vialfrè, Vico, Vidracco, Villareggia, Vische, Vistrorio.

Distretto Sanitario N. 6 (Cuorgnè): Agliè, Alpette, Bairo, Baldissero, Borgiallo, Bosconero, Busano, Canischio, Castellamonte, Castelnuovo Nigra, Ceresole Reale, Chiesanuova, Ciconio, Cintano, Colleretto Castelnuovo, Cuorgnè, Favria, Feletto, Forno C.se, Frassinetto, Ingria, Locana, Lombardore, Lusigliè, Noasca, Oglianico, Ozegna, Pertusio, Pont C.se, Prascorsano, Pratiglione, Ribordone, Rivara, Rivarolo, Rivarossa, Ronco, Salassa, San Colombano, San Ponso, Sparone, Torre C.se, Valperga, Valprato Soana.

Nel successivo biennio (2020-2021), è prevista una estensione del servizio agli ulteriori cinque Distretti Sanitari dell’ASL TO4:

Distretto Sanitario N. 1 (Ciriè), comprendente i seguenti Comuni: Ala di Stura, Balangero, Balme, Barbania, Borgaro T.se, Cafasse, Cantoira, Caselle T.se, Ceres, Chialamberto, Ciriè, Coassolo T.se, Corio, Fiano, Front, Germagnano, Groscavallo, Grosso, Lanzo T.se, Lemie, Levone, Mathi, Mezzenile, Monastero di Lanzo, Nole, Pessinetto, Robassomero, Rocca C.se, San Carlo C.se, San Francesco al Campo, San Maurizio C.se, Traves, Usseglio, Vallo T.se, Varisella, Vauda C.se, Villanova C.se, Viù.

Distretto Sanitario N. 2 (Chivasso), comprendente i seguenti Comuni: Brandizzo, Brozolo, Brusasco, Casalborgone, Castagneto Po, Cavagnolo, Chivasso, Crescentino, Foglizzo, Fontanetto Po, Lamporo, Lauriano, Montanaro, Monteu da Po, Rondissone, Saluggia, San Sebastiano Po, Torrazza Piemonte, Verolengo, Verrua Savoia.

Distretto Sanitario N. 3 (Settimo T.se), comprendente i seguenti Comuni: Leinì, San Benigno, Settimo T.se, Volpiano.

Distretto Sanitario N. 4 (San Mauro T.se), comprendente i seguenti Comuni: Castiglione T.se, Cinzano, Gassino, Rivalba, frazione Rivodora del Comune di Baldissero T.se, San Mauro T.se, San Raffaele Cimena, Sciolze.

Normativa

Le principali indicazioni normative nazionali e regionali cui si fa riferimento per la pianificazione dell’assistenza psicologica del Centro Clinico-Psicologico di Cure Primarie IPAP / ASL TO4 sono le seguenti:

A) Normativa nazionale

  • D.D.L. Lorenzin, “Delega al Governo in materia di sperimentazione clinica di medicinali nonché disposizioni per il riordino delle professioni sanitarie e per la dirigenza sanitaria del Ministero della salute”, convertito in  Legge n. 3/18 dell’11 gennaio 2018 (G.U., “Serie Generale”, N. 25, Anno 159°, del 31 gennaio 2018) dal Senato della Repubblica il 22 dicembre 2017 (Atti Parlamentari, N. 1324-B), in cui si segnala: “All’articolo 1 della legge 18 febbraio 1989, n. 56, è premesso il seguente: Art. 01. – (Categoria professionale degli psicologi) – 1. La professione di psicologo di cui alla presente legge è ricompresa tra le professioni sanitarie di cui al decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 13 settembre 1946, n. 233, ratificato dalla legge 17 aprile 1956, n. 561″ (Art. 9, “Ordinamento delle professioni di biologo e di psicologo”, punto 4).

B) Normativa regionale

Contatti

Per maggiori informazioni e per sostenere le attività del Centro Clinico-psicologico di Cure Primarie IPAP / ASL TO4, si prega di prendere contatto con l’Istituto (ccp@ipap-jung.eu).

IPAP-CCP-immagine

Bibliografia di riferimento
  • World Health Organization (1978). “Declaration of Alma Ata”. Alma Ata: World Health Organization (WHO)
  • World Health Organization (2001). The World Health Report 2001. Mental Health: New Understanding, New Hope. Geneva: World Health Organization
  • World Health Organization, Wonca Working Party on Mental Health (2008). “What is primary care mental health?”. Mental Health in Family Medicine, 5(1): 9-13
  • Joint Commissioning Panel for Mental Health (2018). Guidance for Commissioners of Primary Mental Health Care Services. London: Joint Commissioning Panel for Mental Health (JCPMH)
  • Regione Piemonte – Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari (AReSS) (2013). “Indirizzi e raccomandazioni per l’implementazione dell’assistenza psicologica nelle cure primarie nella rete sanitaria territoriale del Piemonte”, Scheda P.A.S. 2012, N. 4.1.7.
  • Consiglio Nazionale Ordine Psicologi, Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale (2018). “Tavolo Tecnico paritetico CNOP/FIMMG: proposta unitaria e condivisa sulla Psicologia nelle Cure Primarie”. Roma: Consiglio Nazionale Ordine Psicologi (CNOP)/Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale (FIMMG)
  • Università Commerciale Luigi Bocconi, CERGAS, Ordine degli Psicologi del Piemonte (2013), “Comunità professionale e percorso strategico degli Psicologi della Sanità piemontese – Un White Paper per la riflessione”
  • Álvarez, M.P., Fernández Hermida, J.R. (2008). “Beyond mental health: Psychology in primary care”. Papeles del Psicólogo, 29(3): 251-270
  • Bordone, I. et al. (2013). “La rete di assistenza sanitaria territoriale del Piemonte: indirizzi e raccomandazioni per l’implementazione dell’assistenza psicologica nelle cure primarie“. Comunicazione presentata in occasione del X Congresso nazionale della Società Italiana di Psicologia della Salute (SIPSa), Orvieto, 10-12 maggio 2013
  • Bower, P., Gilbody, S. (2005). “Stepped care in psychological therapies: access, effectiveness and efficiency: Narrative literature review”. British Journal of Psychiatry, 186(1): 11-17
  • Bray, J.H. (2016). “Primary care settings”. In J.C. Norcross, G.R. VandenBos, D.K. Freedheim e R.M.M. Domenech (a cura di), APA Handbook of Clinical Psychology: Roots and Branches, Vol. 1. Washington, DC: American Psychological Association (APA), pp. 463-475
  • Chiara, E. (2011). “La relazione cooperativa tra medico e psicologo”. AUPI Notizie, 4: 31-39
  • Chiles, J.A., Lambert, M.J., Hatch, A.L. (1999). “The Impact of Psychological Interventions on Medical Cost Offset: A Meta‐analytic Review”. Clinical Psychology: Science and Practice, 6(2): 204-220
  • De Gruy, F.V. (1996). “Mental Health Care in the Primary Care Setting”. In M.S. Donaldson, K.D. Yordy, K.N. Lohr e N.A. Vanselow (a cura di), Primary Care America’s Health in a New Era. Washington, DC: National Academy Press, pp. 258-311
  • Derksen, J. (2011). “Primary Care Psychologists in the Netherlands: 30 Years of Experience”. Comunicazione presentata in occasione del convegno dell’Associazione Unitaria Psicologi Italiani (AUPI), “La Psicologia nell’area delle Cure Primarie”, Torino, 30 settembre 2011
  • Di Pilato, M., Laezza, A. (2013). “Un anno di intergrazione medico/psicologo nel contesto delle Cure Primarie: riflessioni e valutazioni”. Comunicazione presentata in occasione del X Congresso nazionale della Società Italiana di Psicologia della Salute (SIPSa), Orvieto, 10-12 maggio 2013
  • DiTomasso, R.A., Golden, B.A., Cahn, S.C., Gradwell, A.G. “Primary care psychology” (2013). In A.M. Nezu, C.M. Nezu, P.A. Geller e I.B. Weiner (a cura di), Handbook of Psychology: Health Psychology, Vol. 9, Hoboken, NJ: John Wiley & Sons, Inc., pp. 512-537
  • Fisher, L., Dickinson, W.P. (2014). “Psychology and primary care: New collaborations for providing effective care for adults with chronic health conditions”. American Psychologist [special Issue: “Primary Care and Psychology”], 69(4): 355-363
  • Fitzgerald, J.M., Evans, I.M. (2009). “Psychology in primary health care: Theory, practice and innovation – Introduction to the special issue”. New Zealand Journal of Psychology, 38(1): 6-8
  • Foster, J., Murphy, A. (2005). Psychological Therapies in Primary Care. Setting Up a Managed Service. London/New York, NY: Karnac
  • Frank, R.G., McDaniel, S.H., Bray, J.H., Heldring, M. (a cura di) (2004). Primary Care Psychology. Washington, DC: American Psychological Association (APA)
  • Funk, M., Ivbijaro, G. (2008). Integrating Mental Health into Primary Care. A Global Perspective. Geneva: World Health Organization/World Family Doctors. Caring for People (WONCA)
  • Garcia-Shelton, L., Vogel, M.E. (2002). “Primary care health psychology training: A collaborative model with family practice”. Professional Psychology: Research and Practice, 33(6): 546-556
  • Gathchel, R.J., (2003). “Establishing a primary care psychology service”. In R.J. Gatchel e M.S. Oordt, Clinical Health Psychology and Primary Care: Practical Advice and Clinical Guidance for Successful Collaboration. Washington, DC: American Psychological Association (APA), pp. 21-38
  • Gatchel, R.J., Oordt, M.S. (2003). Clinical Health Psychology and Primary Care: Practical Advice and Clinical Guidance for Successful Collaboration. Washington, DC: American Psychological Association (APA)
  • Haas, L.J. (a cura di) (2004). Handbook of Primary Care Psychology. Oxford/New York, NY: Oxford University Press
  • Haas, L.J. (2011). “Clinical psychology interventions in primary care.” In D.H. Barlow (a cura di), The Oxford Handbook of Clinical Psychology. New York, NY: Oxford University Press, pp. 601-617
  • Hooper, D, Weitz, P. (a cura di). Psychological Therapies in Primary Care. Training and Training Standards. London/New York, NY: Karnac
  • James, L.C. (2006). “Integrating clinical psychology into primary care settings”. Journal of Clinical Psychology, 62(10): 1207-1212
  • Jason, L.A., Corradi, K., Torres-Harding, S. (2005). “Preventive psychology in primary care settings”. Journal of Primary Prevention, 26(1): 37-50
  • Kush, F.R. (2001). “Primary care and clinical psychology: Assessment strategies in medical settings”. Journal of Clinical Psychology in Medical Settings, 8(4): 219-228
  • Liuzzi, M. (2010), Psicologia di Cure Primarie. Concetti, metodi e ricerca clinica. Milano: CIS
  • Liuzzi, M. (2013). “La maggioranza negletta. Per una Psicologia delle Cure Primarie”. Comunicazione presentata in occasione del X Congresso nazionale della Società Italiana di Psicologia della Salute (SIPSa), Orvieto, 10-12 maggio 2013
  • Liuzzi, M. (2016), La psicologia nelle cure primarie. Clinica, modelli di intervento e buone pratiche. Torino: UTET
  • Marenco, G. (2011). “La psicologia delle cure primarie, attualità e prospettive”. AUPI Notizie, 4: 24-27
  • Maruish, M.E. (a cura di) (2017). Handbook of Psychological Assessment in Primary Care Settings. London/New York, NY: Routledge (II Ed.)
  • Masters, K.S., Stillman, A.M., Browning, A.D., Davis, J.W. (2005). “Primary Care Psychology Training on Campus: Collaboration Within a Student Health Center”. Professional Psychology: Research and Practice, 36(2): 144-150
  • McDaniel, S.H., Belar, C.D., Schroeder, C., Hargrove, D.S., Freeman, E.L. (2002). “A training curriculum for professional psychologists in primary care”. Professional Psychology: Research and Practice, 33(1): 65-72
  • McDaniel, S.H., Hargrove, D.S., Belar, C.D., Schroeder, C.S., Freeman, E.L. (2004). “Recommendations for education and training in primary care psychology”. In R.G. Frank, S.H. McDaniel, J.H. Bray e M. Heldring (a cura di), Primary Care Psychology. Washington, DC: American Psychological Association (APA), pp. 63-92
  • McDaniel, S.H., deGruy, F.V. III. (2014). “An introduction to primary care and psychology”. American Psychologist, 69(4): 325-331
  • McDaniel, S.H., Grus, C.L., Cubic, B.A., Hunter, C.L., Kearney, L.K., Schuman, C.C., Karel, M.J., Kessler, R.S., Larkin, K.T., McCutcheon, S., Miller, B.F., Nash, J., Qualls, S.H., Connolly, K.S., Stancin, T., Stanton, A.L., Sturm, L.A., Johnson, S.B. (2014). “Competencies for psychology practice in primary care”. American Psychologist, 69(4): 409-429
  • Newman, R., Rozensky, R. (1995). “Psychology and primary care: Evolving traditions”. Journal of Clinical Psychology in Medical Settings [special Issue: “Psychology and primary care”], 2(1): 3-6
  • Nielsen, S.A. (2009). “Preparing a psychology workforce for primary care: A survey of current NCPP training directors”. Dissertation Abstracts International: Section B: The Sciences and Engineering, 69(12-B): 7821
  • Pingitore, D.P. (1999). “Postdoctoral training in primary care health psychology: Duties, observations, and recommendations”. Professional Psychology: Research and Practice, 30(3): 283-290
  • Raggi, V.L. (2011). “Internship and fellowship experiences: Preparing psychology trainees for effective collaboration with primary care physicians.” In G.M. Kapalka (a cura di), Pediatricians and Pharmacologically Trained Psychologists: Practitioner’s Guide to Collaborative Treatment. New York, NY: Springer Science + Business Media, pp. 249-270
  • Re, L., Farri, M. (2013). “Modello di integrazione multiprofessionale e applicazione della procedura triage in un gruppo di cure primarie”. Comunicazione presentata in occasione del X Congresso nazionale della Società Italiana di Psicologia della Salute (SIPSa), Orvieto, 10-12 maggio 2013
  • Schulte T.J., Isley, E., Link, N., Shealy, C.N., Winfrey, L.L., (2004). “General Practice, Primary Care, and Health Service Psychology: Concepts, Competencies, and the Combined-Integrated Model James Madison University”. Journal of Clinical Psychology, 60(10): 1011-1025
  • Scott Craig, W. (2015). Integrated Psychological Services in Primary Care. Hauppauge, NY: Nova Science Publishers, Inc.
  • Searight, H.R. (2010). Practicing Psychology in Primary Care. Cambridge, MA: Hogrefe
  • Smit, E.H., Derksen, J.J.L. (2015). “The complexity of primary care psychology: Theoretical foundations”. Nonlinear Dynamics, Psychology, and Life Sciences, 19(3): 269-284
  • Solano L. (a cura di) (2011). Dal sintomo alla persona. Medico e psicologo insieme per l’assistenza di base. Milano: FrancoAngeli
  • Solano, L. (2013). Tra mente e corpo. Come si costruisce la salute. Milano: Raffaello Cortina
  • Spector, J. (1984). “Clinical psychology and primary care: Some ongoing dilemmas”. Bulletin of the British Psychological Society, 37: 73-76
  • Thielke, S., Thompson, A., Stuart, R. (2011). “Health psychology in primary care: Recent research and future directions”. Psychology Research and Behavior Management, 4: 59-68
  • Tiranti, B. (2014). Tre ingredienti… per una rete formativa regionale”. Comunicazione presentata in occasione della giornata di studi “La rete della psicologia in Piemonte”, Torino, 14 maggio 2014
  • Titta, G. (2011). “La rete dei medici di famiglia: forme organizzative di collaborazione con lo psicologo”. AUPI Notizie, 4: 40-41
  • Tomassoni, M., Solano, L. (2003). Una base più sicura. Esperienze di collaborazione diretta tra medici e psicologi. Milano: FrancoAngeli
  • White, J. (2001). “Clinical psychology in primary care”. Primary Care Psychiatry, 6(4): 127-136
  • Wright, L.U., Burns, B.J. (1986). “Primary mental health care: A ‘find’ for psychology?”. Professional Psychology: Research and Practice, 17(6): 560-564
  • Zennaro, A., Primavera, M., Cristofanelli, S., Ferro, L., Re, T. (2013). “Per una psicologia delle cure primarie. Uno studio preliminare degli accessi nei DEA piemontesi”. Comunicazione presentata in occasione del X Congresso nazionale della Società Italiana di Psicologia della Salute (SIPSa), Orvieto, 10-12 maggio 2013
Photo by courtesy of Pacifica Graduate Institute Alumni Association