L’IPAP è lieto di aderire al programma formativo promosso dall’Ordine degli Psicologi del Piemonte in collaborazione con le Scuole di Specializzazione in Psicoterapia piemontesi, “Psiche e soma: presenza e assenza del corpo nel lavoro psicoterapeutico”, con una conferenza sul tema “Jung alla prova delle neuroscienze: corpo, emozioni, psicopatologia, clinica”, a cura di Ferruccio Vigna, giovedì 14 ottobre 2021, dalle ore 18:30 alle 20:00.

OPP-Scuole-2022

Sebbene le emozioni siano state studiate da sempre, rappresentano ancora per le scienze della natura e per la psicologia un punto interrogativo. Quale è la loro natura? Quale è il loro scopo? A partire dal dualismo cartesiano res cogitans/res extensa, che del resto ha radici antiche, e dalle suggestioni kantiane espresse nella Critica della ragion pratica (“Le emozioni sono le malattie dell’anima”), la costruzione di modelli teorici in psicoanalisi è stata a lungo caratterizzata da una netta scissione tra il ruolo degli affetti e quello della cognizione. Solo recentemente si è iniziato ad affrontare il tema della loro integrazione. Al contrario, in Jung, ideazione e affetto oppure pensiero ed emozione non vengono mai considerati separatamente. Non solo: nel modello junghiano, l’efficacia di una terapia può essere valutata anche in base alla sua capacità di agire verso la loro riconnessione. Un concetto che è stato sviluppato autonomamente anche dalla neurofisiologia, confermandone la validità.

.

Ferruccio Vigna, medico specialista in Neurologia presso l’ASL “Città di Torino” e analista junghiano, è docente di Fondamenti di clinica junghiana: setting, transfert e controtransfert, e di Psicoterapia e neuroscienze presso la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia IPAP (Ivrea, TO). È membro della International Association for Analytical Psychology (IAAP) e dell’Associazione per la Ricerca in Psicologia Analitica (ARPA), di cui è stato Presidente dal 2008 al 2018 e presso cui ricopre tuttora la carica di Membro del Comitato di formazione professionale. Già direttore della rivista di Psicologia Analitica L’Ombra, ha pubblicato o curato diversi saggi di argomento junghiano, tra cui Jung e le immagini (2010), Riconnessioni. Dall’alessitimia all’anima (2011), La depressione creativa. Dal Libro Rosso di Jung alla modernità (2011), Maestri a confronto (2013) e L’Ombra del flâneur (2014). I suoi interessi vertono soprattutto sulla relazione tra Psicologia Analitica e neuroscienze, sul ruolo delle emozioni nel processo terapeutico e sull’elaborazione di un approccio epistemologico non dualistico in psicoanalisi.

.

https://www.ordinepsicologi.piemonte.it/formazione/psiche-e-soma